08/23/19

Bianca dei Censi, il nuovo vino di Garofano Vigneti e Cantine

Un bianco sorso d’estate… BIANCA DEI CENSI!

Garofano - Bianca dei Censi

 

Vi presentiamo qui Bianca dei Censi, il nuovo vino di casa Garofano. Un bianco dall’ottimo rapporto qualità-prezzo, molto piacevole, fresco e profumato, perfetto per accompagnare le ultime serate estive in compagnia.

Uvaggio
Greco 50%, Trebbiano 50%

Denominazione
Puglia IGT

Vinificazione e affinamento
La vendemmia avviene a metà agosto. A seguito di un’accurata selezione dei grappoli e una pigio-diraspatura soffice viene svolta la fermentazione a temperatura controllata di 15°-16°C per preservare aromi e profumi. Il vino subisce un affinamento di 4 mesi in acciaio.

Gradazione alcolica
12% vol.

Caratteristiche tecniche del vino
Bianca dei Censi di Garofano Vigneti e Cantine è giallo paglierino. Al naso si presenta fragrante e fruttato con sentori di mela, pesca e albicocca. Al palato è fresco con una spiccata acidità.

Abbinamenti gastronomici e temperatura di servizio
Bianca dei Censi accompagna in modo eccellente crudi di pesce, crostacei, frutti di mare, antipasti freddi e primi piatti a base di pesce. Si consiglia di berlo ad una temperatura di 10-12°C.

12/28/15

Salento Rosso IGT Le Braci- Severino Garofano Vigneti e Cantine

monaciIl Salento è una meravigliosa terra di ulivi, masserie, macchia mediterranea, vigneti e mare. L’Azienda Monaci si trova a Copertino, in provincia di Lecce. Oltre mezzo secolo di esperienza nel rispetto della natura e tradizione, per produrre grandi vini. Il vitigno principe del territorio è in Negroamaro, capace di donare rossi di forte carattere e personalità. Fiore all’occhiello dell’Azienda Monaci è Le Braci, un vino di grande fascino, morbido, complesso, elegante, sontuoso. Un Negroamaro in purezza realizzato con uve raccolte in leggera sovramaturazione, per donare al bouquet maggior intensità, ricchezza e persistenza. Un’esperienza gusto-olfattiva unica, avvolgente e seducente, che ricorda l’opulenza di vini importanti come l’Amarone e lo Sforzato.

Continua