02/19/18

Terre Siciliane Petit Verdot IGT Effe Emme – Zisola

noto-016_14054_19432_t

Il petit verdot è uno dei nobili vitigni bordolesi, che insieme a cabernet sauvignon, cabernet franc e merlot, crea alcuni tra i vini più pregiati al mondo. Nella terra d’origine del Médoc, fatica spesso ad arrivare a piena maturazione e viene utilizzato nei tagli solo in piccola percentuale, per dare struttura e longevità ai vini. Nella Sicilia Sud-Orientale, ha invece trovato un habitat perfetto per esprimersi in purezza su livelli di assoluta eccellenza. Il clima caldo e ventilato dell’isola garantisce una perfetta maturazione delle uve con grande ricchezza di aromi.  Il Terre Siciliane Petit Verdot IGT, Effe Emme è un vino caldo e intenso, dal carattere forte, con aromi profondi e grande persistenza. Un vino che migliora con il passare del tempo e che ha un potenziale d’invecchiamento di oltre 20 anni.

Continua

02/13/18

Toscana Rosso IGT Poggio Valente – Fattoria Le Pupille

h_maremma4

La Fattoria le Pupille si trova nello splendido territorio della Maremma toscana. Le dolci esposizioni collinari, i suoli particolarmente vocati e il clima mediterraneo, costituiscono l’habitat perfetto per una viticoltura di qualità. Il vino nasce dal Cru aziendale Poggio Valente, da sempre conosciuto per la produzione di uve particolarmente intense da un punto di vista aromatico. Il Toscana Rosso IGT Poggio Valente è un sangiovese in purezza solare, ricco ed elegante, perfetta espressione del terroir maremmano.  Ideale da degustare con carni alla griglia, arrosti o selvaggina. Continua

02/7/18

Abruzzo Pecorino DOC – Tenuta I Fauri

I FAURI

Il Pecorino è un grande vino del centro Italia, che per un lungo periodo è stato quasi completamente dimenticato e che solo di recente è stato riscoperto e giustamente valorizzato. E’ un bianco intenso, complesso di grande struttura e personalità. La Tenuta I Fauri produce vini di qualità nello splendido territorio delle colline teatine, in provincia di Chieti. Dalla sapiente gestione delle vigne di famiglia, nasce un Pecorino capace di raccontare con genuina fedeltà la tradizione del territorio e l’antico gusto artigianale. L’Abruzzo Pecorino DOC esprime note mature di frutta gialla, seducenti aromi tropicali, eleganti sentori balsamici e vivace freschezza. Un vino gastronomico, che ama abbinamenti con menù di pesce importante, carni bianche o formaggi stagionati.

Continua

01/30/18

Barolo DOCG 44° Annata Etichetta Blu 2014 – Parusso

fotopar

Il Barolo Etichetta Blu è un’edizione celebrativa, dedicata a un vino prodotto solo in annate particolari. E’ un Barolo destinato a ricordare nel tempo il gusto e le caratteristiche peculiari di un millesimo: dopo il 2002 e il 2005, ora è la volta del 2014. E’ prodotto con uve provenienti dalle vigne coltivate nei cru aziendali di Bussia, Mariondino e Mosconi, tre terroir che donano diverse espressioni di Barolo. L’Etichetta Blu vuole rappresentare la migliore sintesi del Barolo Parusso nel segno dell’equilibrio, della complessità, dell’armonia e del rispetto assoluto dell’annata. Un Barolo profumato, fresco ed elegante, destinato al lungo invecchiamento. Continua

01/25/18

Bisci – Verdicchio di Matelica Fogliano

slide10

‘Il Verdicchio di Matelica è l’altro verdicchio, quello che non vede il mare, coltivato nell’Alta Vallesina in un’area dal clima fresco e continentale. Elegante e raffinato, è un bianco dalla forte personalità e dalla straordinaria longevità. Il Verdicchio di Matelica DOC Vigneto Fogliano di Bisci esprime perfettamente tutte le migliori caratteristiche del terroir. Nasce da un’accurata selezione delle uve del Cru aziendale, il vigneto Fogliano, coltivato con vecchie viti e magnificamente esposto a sud. Il vino ha un profilo raffinato ed essenziale, di grande profondità e intensità gustativa. Un bianco piacevolissimo da bere giovane, ma che invecchia benissimo. Dopo alcuni anni in bottiglia, infatti, esprime tutto il suo potenziale evolutivo con interessanti note terziarie. Continua

01/17/18

Etna Rosso DOC Passorosso – Passopisciaro

 

passorosso

Negli ultimi anni, i rossi dell’Etna si sono conquistati un posto di primo piano tra i grandi vini italiani. Oggi sono riconosciuti anche a livello internazionale come una delle migliori eccellenze del nostro patrimonio enologico. Il particolare clima dell’Etna, i suoli d’origine vulcanica e un vitigno dalle nobili caratteristiche come il nerello mascalese, hanno contribuito a decretare questo straordinario successo. Andrea Franchetti è stato uno dei primi produttori a credere nel potenziale dell’Etna ed è presente con la sua azienda fin dal 2000. Sul versante nord, ha trovato antichi vigneti ad alberello semiabbandonati, che ha riportato all’antico splendore. E’ nato cosi il suo vino più famoso, che fino a poco tempo fa si chiamava Passopisciaro e ora è diventato Etna Rosso DOC Passorosso. Un vino che esprime tutto il carattere e la personalità del Vulcano nel segno dell’eleganza e della finezza. Continua

01/11/18

Marche Rosso IGT Bordò – Poderi San Lazzaro

Schermata 2018-01-11 alle 16.48.26

Un solo vitigno, tanti nomi e ottimi vini. Stiamo parlando della varietà spagnola garnacha tinta, conosciuta in Francia come grenache, che in Italia assume varie denominazioni a secondo della regione in cui è coltivata: cannonau in Sardegna, granaccia in Liguria, tai rosso in Veneto e bordò nelle Marche. Poderi San Lazzaro produce nella tenuta di Offida il Marche Rosso IGT Bordò, un vino dal profilo mediterraneo, che conquista per fresca eleganza, armonia suadente e  complessità aromatica. Una piccola produzione che rappresenta una delle migliori eccellenze del territorio. Provatelo con arrosto saporito o con una grigliata mista. Continua

01/4/18

Poggio Terralba: Vin Santo per passione!

Schermata 2018-01-04 alle 12.46.25

 

Di seguito vi proponiamo un’articolo sul Vinsanto di Poggio Terralba, scritto da Daniele Cernilli, una delle voci più autorevoli della critica di vino italiana. Direttore responsabile di Doctorwine, nonché il direttore-curatore della Guida Essenziale ai Vini d’Italia.
Schermata 2018-01-04 alle 13.50.20

Poco distante da San Miniato, in provincia di Pisa, su una piccola collina toscana si trova l’Azienda Agricola PoggioTerralba. Una posizione eccellente, una terra viva e generosa e la passione del proprietario hanno fatto di questa piccola azienda, che dal 1993 adotta sistemi di agricoltura biologica, un esempio di perfetta armonia tra tradizione e innovazione, dando vita a prodotti eccellenti: il Vinsanto del Chianti Doc e l’Occhio di pernice Doc.

Un’intervista esclusiva a Giorgio Brogi che racconta il suo strepitoso Vinsanto!

“Quando penso al Vinsanto penso a mio padre che lavorava le uve nel sottotetto della casa di famiglia. La mia è una storia semplice come le cose buone che provengono dalla Toscana, dalle colline di San Miniato dove sono nato e dove ho deciso di proseguire una piccola tradizione familiare: fare il Vinsanto. E’ una terra buona quella di Terralba dove oggi risiedo e dove produco il mio Vinsanto, una terra dove i miei ricordi sono spesso legati a questo vino “di paglia” che lascia appassire le uve sulle stuoie, sulla paglia appunto o sui graticci come faccio io.”

Leggi l’intervista completa!

12/13/17

UNA FANTASTICA VERTICALE: BOCA, LE PIANE

boca2

Il nebbiolo regala grandissimi vini anche fuori dalle famose denominazioni di Barolo e Barbaresco. In Alto Piemonte ha trovato da secoli un habitat ideale per esprimersi con caratteristiche particolari su livelli di assoluta eccellenza. Boca si trova in provincia di Novara, in una zona storicamente molto vocata per la viticoltura. In questi territori la coltivazione della vite ha origini antichissime, che risalgono addirittura all’epoca Romana. I Monaci Benedettini hanno tenuto viva la tradizione per secoli, tanto che i famosi vini delle colline novaresi erano esportati in Lombardia, Svizzera e Francia. Prima della Seconda Guerra Mondiale, l’area di Boca era quasi esclusivamente agricola, caratterizzata da distese ininterrotte di vigne. Solo con la successiva industrializzazione, molti vigneti sono stati abbandonati e il bosco si è lentamente riappropriato del territorio. Per fortuna, sono rimasti alcuni appassionati produttori che hanno conservato la memoria storica e la tradizione della viticoltura. La regione di Boca è caratterizzata da colline coperte da boschi, che proteggono i vigneti dai venti freddi del nord e alimentano una grande biodiversità di flora e fauna. Il clima mite e ventilato, le esposizioni a sud e le buone escursioni termiche, favoriscono la maturazione di uve sane e dal buon corredo aromatico. La composizione dei terreni è molto particolare. Si tratta di suoli dal colore rossastro d’antica origine vulcanica, con presenza di scheletro e ghiaia, generati dal disfacimento di porfidi molto ricchi di sostanze minerali. L’Azienda Le Piane nasce all’inizio degli anni ’90 per opera di Christoph Kuenzli e dell’amico enologo Alexander Trolf. Innamorati della zona, acquistano le vecchie vigne di Antonio Cerri, un anziano vignaiolo di Boca, con l’intento di proseguire l’attività con nuovo impulso, ma tenendosi fedeli alla tradizione. Nel corso degli anni, ai vigneti storici, sono state aggiunte nuove parcelle, tutte situate nelle migliori posizioni, fino ad arrivare agli attuali 9 ettari. I vini Le Piane sono il frutto di un lavoro ancora artigianale, fatto da un piccolo gruppo di persone, che con grande passione segue tutto il processo produttivo. I vini nascono da un accurato lavoro in vigna e da una vendemmia manuale, solo dei migliori grappoli. L’altissima qualità delle uve, permette di fare vini più naturali possibili, con il minimo intervento durante la vinificazione e le successive fasi di cantina. Continua

12/12/17

Moscato d’Asti Canelli DOC – Villa Giada di Andrea Faccio

Villa giada NUOVO

Si avvicinano le feste e come ogni Natale è tradizione chiudere il pranzo con il Panettone o il Pandoro. Non c’è miglior abbinamento per i dolci natalizi del Moscato di Canelli. La delicata dolcezza aromatica, sempre ben bilanciata dalla freschezza, di questo grande vino piemontese si esalta con tutti i dolci da forno lievitati e in particolare proprio con Panettone e Pandoro. Bevete gli Champagne e gli Spumanti con gli antipasti o con i primi e i secondi piatti del vostro menù e gustatevi i dolci di Natale con un profumato calice di Moscato d’Asti di Canelli di Andrea Faccio. Continua