01/18/18

Barbera Ornati, il territorio delle Langhe e la sapienza di Parusso

home-parusso-2

La famiglia Parusso coltiva dagli inizi del ‘900 la vite nelle Langhe, l’obiettivo è produrre vini fini, eleganti e dalla forte identità per condividere con chi ama i vini dei gusti autentici e l’attitudine per le cose buone e genuine. Il lavoro nelle vigne è finalizzato ad assicurare alla pianta un ciclo vitale il più naturale e più lungo possibile al fine di avere delle uve non stressate e di grande qualità; la tecnica della potatura verde tra la fine di luglio e la metà di agosto permette di ottenere 1,5 Kg per pianta per la Barbera. La raccolta, rigorosamente a mano, viene effettuata il più tardi possibile al fine di avere delle uve molto mature, che assicurino la pienezza del gusto e del profumo. La cura in vigna prosegue con una vinificazione sapiente incentrata su due momenti fondamentali: la completa maturazione dell’uva e l’affinamento a contatto con le proprie fecce.

barbera-d-alba-ornati-doc-2016La Barbera d’Alba DOC Ornati è prodotta con uve dei vigneti di Monforte d’Alba, in località Ornati,  con una fermentazione alcolica spontanea e senza solfiti aggiunti e da una macerazione sulle bucce attentamente controllata; affina parte in piccole botti di rovere e parte in vasche d’acciaio per 5/6 mesi a contatto con i suoi lieviti indigeni. Di colore rosso porpora brillante, al naso ha note di frutta fresca e un accenno di caffè e cioccolato; al palato presenta una bella armonia tra freschezza, frutta ed acidità, note di lampone e frutti di bosco; si abbina antipasti caldi, piatti semplici di pasta, carni bianche e rosse, formaggi freschi.

Dal 18 gennaio al 25 gennaio una cassa da 6 bottiglie a €74,50 invece che €89,40.

COMPRI 6 E PAGHI 5!

COMPRA ORA SU VINODALPRODUTTORE.IT!

 

01/18/18

Spaghetti frutti di mare e crostacei crudi e Spumante M.C. Brut di Deltetto

spaghetti mantecati con frutti di mare un po crudi e un po cotti AA221710 cucina 240 360 254 2400 3599 RGB

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

– 250 grammi pasta di semola di grano duro
– 300 gr vongole
– 300 gr tartufo di mare
– 300 gr cozza o mitilo
– 200 gr calamaretti
– 8 gamberi
– 4 canocchie
– 4 scampi
– 500 gr pomodoro ramato
– 300 gr pomodoro datterino
– 2 peperoncino
– 2 spicchi aglio
– prezzemolo
– olio extravergine d’oliva, sale e pepe q.b.
Continua

01/18/18

Tenuta Santa Caterina: la potatura del Vigneto e il riposo della natura

Tenuta Santa Caterina vi racconta cosa succede tra i suoi filari durante l’inverno. Siamo a Grazzano Badoglio, nel cuore del Monferrato, in questa splendida tenuta dove le vigne vengono coltivate in perfetta armonia con la natura, i terreni sono stati sezionati per scegliere i vigneti più idonei e dove ogni vigneto ha un nome e produce un vino con un’identità precisa.

Al contrario di quello che appare alla prima occhiata, l’attività nei vigneti prosegue anche nel periodo invernale.

Le piante di vite, dopo la vendemmia, iniziano un periodo molto importante per la loro sopravvivenza e vitalità. Prima di entrareIMG_20171127_115208 in riposo, infatti, la vite richiama gli elaborati dalle foglie verso il ceppo: niente viene sprecato in natura, tutto quello che la pianta ha prodotto con fatica attraverso la fotosintesi viene recuperato a favore della pianta che sta entrando in riposo. Questa è una fase fisiologicamente attiva, ovvero le piante stesse devono dare il via a questo processo di recupero, alla fine del quale le foglie ormai “svuotate” cadono a terra.

E’ soltanto quando le ultime foglie sono cadute a terra che si può considerare concluso il ciclo annuale della vite, e si può dare inizio alle operazioni di potatura. Occorre infatti rispettare i tempi della natura, senza accelerare forzatamente, anticipando interventi che sono deleteri per le piante. Ricordiamo infatti che la potatura è un’operazione creata dall’uomo per “governare” la produzione delle piante da frutto in generale, così da portare le piante a produrre i frutti – nel nostro caso l’uva da vino – da utilizzare a proprio vantaggio. Per avere i risultati migliori, è sempre opportuno porre le piante nelle condizioni migliori per svolgere le loro funzioni: solo nel rispetto delle piante, possiamo avere la certezza di raggiungere i nostri obiettivi di qualità.

Durante la potatura, la nebbia spesso accompagna le giornate di lavoro nel vigneto. Un paesaggio malinconico, che ha pur sempre il suo fascino.

IMG_20180116_141629Esistono delle regole tecniche generali per la potatura delle piante da frutto, variabili a seconda dell’obiettivo enologico e della varietà. E’ molto importante che ogni pianta infatti venga “letta” per la sua storia: la sua “forza”, la quantità di produzione dell’anno precedente, il suo stato di salute in generale deve essere tenuto in considerazione al momento delle scelte da fare in potatura. Infatti il numero di gemme che lasceremo in inverno è in funzione della capacità produttiva della pianta, che va giustamente interpretata in base alle dimensioni del ceppo, alla lunghezza dei tralci e alla loro dimensione. Errori in questa fase compromettono il raggiungimento del giusto rapporto vegeto-produttivo delle piante in produzione, premessa imprescindibile per una produzione di qualità.

E’ da questa grande attenzione e cura all’ambiente, ai terreni e ai vigneti che nascono i grandi vini di Tenuta Santa Caterina

01/17/18

Etna Rosso DOC Passorosso – Passopisciaro

 

passorosso

Negli ultimi anni, i rossi dell’Etna si sono conquistati un posto di primo piano tra i grandi vini italiani. Oggi sono riconosciuti anche a livello internazionale come una delle migliori eccellenze del nostro patrimonio enologico. Il particolare clima dell’Etna, i suoli d’origine vulcanica e un vitigno dalle nobili caratteristiche come il nerello mascalese, hanno contribuito a decretare questo straordinario successo. Andrea Franchetti è stato uno dei primi produttori a credere nel potenziale dell’Etna ed è presente con la sua azienda fin dal 2000. Sul versante nord, ha trovato antichi vigneti ad alberello semiabbandonati, che ha riportato all’antico splendore. E’ nato cosi il suo vino più famoso, che fino a poco tempo fa si chiamava Passopisciaro e ora è diventato Etna Rosso DOC Passorosso. Un vino che esprime tutto il carattere e la personalità del Vulcano nel segno dell’eleganza e della finezza. Continua

01/11/18

Marche Rosso IGT Bordò – Poderi San Lazzaro

Schermata 2018-01-11 alle 16.48.26

Un solo vitigno, tanti nomi e ottimi vini. Stiamo parlando della varietà spagnola garnacha tinta, conosciuta in Francia come grenache, che in Italia assume varie denominazioni a secondo della regione in cui è coltivata: cannonau in Sardegna, granaccia in Liguria, tai rosso in Veneto e bordò nelle Marche. Poderi San Lazzaro produce nella tenuta di Offida il Marche Rosso IGT Bordò, un vino dal profilo mediterraneo, che conquista per fresca eleganza, armonia suadente e  complessità aromatica. Una piccola produzione che rappresenta una delle migliori eccellenze del territorio. Provatelo con arrosto saporito o con una grigliata mista. Continua

01/11/18

Deltetto Arneis San Michele, un bianco fine e minerale dal Roero

Schermata 2017-05-12 alle 15.46.16

L’azienda Agricola Deltetto, fondata nel 1953 e alla terza generazione di vignaioli, è collocata nel cuore del Roero, zona di grande vocazione vitivinicola sulla riva sinistra del fiume Tanaro, che la separa dalle colline di Barolo e Barbaresco. Originata dall’emersione di un fondale marino nell’era terziaria, la zona del Roero ha terreni prevalentemente composti di arenarie, rocce sedimentarie ricche di fossili marini, che conferiscono ai vini del Roero non solo corpo e struttura, ma anche una particolare finezza espressiva.

Borgognotta-Arneis

Vi presentiamo qui l’Arneis San Michele DOCG 2016 40 Vendemmie, che trovate anche nella rubrica Grandi Vini, vero riferimento del Roero per i vini basati su questo vitigno; per festeggiare il traguardo celebrato nel nome è stata disegnata una nuova etichetta che richiama con grazia i fossili tipici dell’area. E’ un Cru proveniente dall’omonimo vigneto il cui terreno, ricco di sabbie e marne, esalta le note floreali e fruttate dell’Arneis combinandole con una spiccata e piacevole mineralità. Giallo paglierino, ha sentori di frutta esotica, al palato è sapido e persistente ed è dotato di una struttura tale da renderlo adatto all’invecchiamento. E’ il prefetto accompagnamento per una cena di mare.

Un Grande Vino per tutti i giorni, non perdetevi l’Arneis San Michele 40 Vendemmie DOCG 2016,
dall’11 gennaio al 18 gennaio una cassa da 6 bottiglie a €66,00 invece che €79,20.

COMPRI 6 E PAGHI 5!

COMPRA ORA SU VINODALPRODUTTORE.IT!

 

01/11/18

Finalmente disponibile il super premiato Montevetrano 2015!

Schermata 2018-01-11 alle 12.46.57
Montevetrano nella sua storia ha ottenuto valutazioni straordinarie, in Italia con in venti Tre Bicchieri, e all’estero, a partire dall’entusiasmo con cui Robert Parker ne ha salutato gli inizi nel 1995.
Si tratta di un’etichetta di valore assoluto, ormai riconosciuta da decenni anche a livello internazionale tra le migliori eccellenze dell’enologia italiana.

montevetrano-2014

Con l’annata 2015 si è superato!

Potete trovarlo su Vinodalproduttore.it!

Riepiloghiamo per voi le straordinarie valutazioni finora ottenute da Montevetrano 2015:

– 98/100 da parte della Guida Essenziale ai Vini d’Italia, di Daniele Cernilli, uno dei giornalista più autorevoli del mondo del vino in Italia; (Montevetrano 2015 sarà disponibile a partire da gennaio 2018).

– Le 4/4 Viti della Guida Vitae 2018 dell’AIS (Associazione Italiana Sommelier), che premia le 500 migliori etichette Italiane;

– I 5/5 Gappoli Bibenda 2018 della FIS (Federazione Italiana Sommelier), inserendosi nella vista dei vini d’eccellenza.

Montevetrano 2015 ha poi ottenuto il punteggio eccezionale di 98/100 James Suckling 2018.
Uno dei critici enologici più autorevoli del momento, le cui opinioni attirano l’interesse e il rispetto degli amanti del vino, dei grandi collezionisti e dell’intero settore enologico mondiale

Montevetrano 2015 è stato anche inserito da Luca Gardini al 28esimo posto della lista del TWS_BIWA 2017, The Wine Sider Best Italian Wine Awards,  la classifica che ogni anno premia i 50 migliori vini d’Italia.
Le 50 etichette italiane inserite in classifica vengono selezionate da un comitato tecnico internazionale composto da giornalisti, critici ed esperti che affiancano Gardini e Grignaffini nei tasting alla cieca di oltre 350 referenze.

E’ FINALMENTE DISPONIBILE SU VINODALPRODUTTORE.IT!

01/4/18

Poggio Terralba: Vin Santo per passione!

Schermata 2018-01-04 alle 12.46.25

 

Di seguito vi proponiamo un’articolo sul Vinsanto di Poggio Terralba, scritto da Daniele Cernilli, una delle voci più autorevoli della critica di vino italiana. Direttore responsabile di Doctorwine, nonché il direttore-curatore della Guida Essenziale ai Vini d’Italia.
Schermata 2018-01-04 alle 13.50.20

Poco distante da San Miniato, in provincia di Pisa, su una piccola collina toscana si trova l’Azienda Agricola PoggioTerralba. Una posizione eccellente, una terra viva e generosa e la passione del proprietario hanno fatto di questa piccola azienda, che dal 1993 adotta sistemi di agricoltura biologica, un esempio di perfetta armonia tra tradizione e innovazione, dando vita a prodotti eccellenti: il Vinsanto del Chianti Doc e l’Occhio di pernice Doc.

Un’intervista esclusiva a Giorgio Brogi che racconta il suo strepitoso Vinsanto!

“Quando penso al Vinsanto penso a mio padre che lavorava le uve nel sottotetto della casa di famiglia. La mia è una storia semplice come le cose buone che provengono dalla Toscana, dalle colline di San Miniato dove sono nato e dove ho deciso di proseguire una piccola tradizione familiare: fare il Vinsanto. E’ una terra buona quella di Terralba dove oggi risiedo e dove produco il mio Vinsanto, una terra dove i miei ricordi sono spesso legati a questo vino “di paglia” che lascia appassire le uve sulle stuoie, sulla paglia appunto o sui graticci come faccio io.”

Leggi l’intervista completa!