Millefoglie di pane carasau e lo Stellato di Pala

Questa settimana si va in Sardegna! Vi proponiamo una millefoglie diversa da solito, fatta con il pane carasau e una salsa di pomodori, ricotta e scamorza affumicata, provala con lo Stellato, un Vermentino sardo della cantina Pala.

CARASAUIngredienti per 4 persone:
300 g di sfoglie di pane carasau

PER IL RIPIENO:
600 g di pomodori pelati
400 g di ricotta
150 g di scamorza affumicata
100 g di parmigiano reggiano grattugiato

PER IL SUGO:
1 cipolla
1 spicchio d’aglio
1 ciuffetto di basilico
1 cucchiaino di zucchero
4 cucchiai olio extravergine di oliva
sale e pepe q.b.

PREPARAZIONE
Per prima cosa prepariamo la salsa.
Spella la cipolla e tagliala a fettine; schiaccia e spella l’aglio e soffriggili in una casseruola con 5 cucchiai di olio. Unisci i pelati spezzettati o passati al passaverdure a fori larghi, regola di sale e aggiungi lo zucchero e 5-6 foglie di basilico. Copri con il coperchio e prosegui la cottura a fuoco medio per circa 25-30 minuti. Spegni il fuoco e lascia intiepidire.
Prepara gli altri ingredienti. Lavora la ricotta con 80 g di parmigiano reggiano e un mestolo di sugo di pomodoro tiepido, fino a ottenere un composto omogeneo. Riempi una ciotola con acqua calda, unisci 1 pizzico di sale e un cucchiaio d’olio e mescola.
Riduci il pane carasau in grossi pezzi e ammorbidiscili, passandoli nell’acqua, pochi alla volta, per qualche istante, senza inzupparli troppo.
Stendi sul fondo della pirofila un mestolino di sugo e 1 cucchiaio di olio, fai uno strato di pane carasau ben sgocciolato, poi crea uno strato di salsina di pomodoro, crema di ricotta e scamorza a fettine. Ripeti gli strati, disponendo carasau, salsa di pomodoro, crema di ricotta e scamorza, fino a esaurire gli ingredienti.
Completa con il parmigiano reggiano rimasto, cuoci in forno gia caldo a 200°C per circa 35-40 minuti e servi subito.

stellato-2015.jpg

 

Gusta questo piatto con una bottiglia ghiacciata di Stellato 2015, Vermentino di Pala.

COMPRA ORA SU VINODALPRODUTTORE.IT!

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *